I consigli di Cinzia per tenere il tuo cane al sicuro dal caldo quest’estate

 

In estate, la vita dei nostri amici può rivelarsi parecchio stressante.

I cani non possono alzarsi dalla cuccia e andare ad accendere il ventilatore o il climatizzatore, e contano su di noi affinché ci preoccupiamo di mantenerli al fresco e ben idratati, prima che ce lo facciano notare con ansimate rapide e pesanti.

Con questo articolo ti voglio lasciare una lista di cose da sapere che possano aiutarti a passare un’estate piacevole e senza timori con il tuo cane.

Ci sono principi chiave da tenere a mente.

In generale, i consigli che leggerai qui sotto sono validi per tutti i cani, ma in particolare si rivolgono a quelli che hanno un rischio più alto di prendere un colpo di calore, disidratarsi, o collassare.

Sto parlando di:

  • Cuccioli;
  • Cani anziani;
  • Alcune razze come i bulldog, il carlino, il pechinese, il boston terrier e il boxer (cioè quelle razze definite brachicefaliche). Queste razze sono purtroppo predisposte a soffrire maggiormente il caldo, dato che hanno la canna nasale più corta, avendo il muso schiacciato.

Queste condizioni peggiorano se il cane è:

  • Sovrappeso (i cani obesi si disidratano più velocemente);
  • A pelo raso e scuro (il pelo scuro trattiene più raggi solari rispetto a quello chiaro).

 

Quando sei fuori

Uscire con il tuo cane in estate può essere un problema se non tieni a mente alcune regolette. Molte persone purtroppo si basano sulla propria personale sensazione (es. oggi fa caldo, ma non troppo dai!) ignorando che il cane soffre molto di più il caldo di noi.

Innanzitutto, il calore fuoriesce dal suolo, quindi il cane lo sente subito, e cammina ad un’altezza dove fa più caldo.

Presta massima attenzione agli orari!

In estate devi fare uno sforzo in più e far quadrare le tue passeggiate con una temperatura che non sia insostenibile per il tuo cane.

A parte mattina presto e sera, in una giornata molto calda dovresti tenere il tuo cane a riposo.

Se fa troppo caldo per te, sicuramente lo sarà anche per lui. E ripeto, non perché vogliamo esagerare, semplicemente i cani sentono il calore molto di più.

Un volta fuori, cammina sull’erba invece che sull’asfalto o sulla sabbia. Tu hai le scarpe e non te ne accorgi. Il tuo cane no… a meno che non gliele compri, ne esistono di tutti i tipi in commercio e possono davvero evitare che una passeggiata fuori diventi un inferno per lui!

Qui trovi un esempio 

Stessa cosa se vuoi entrare in un negozio: lasciare il cane legato fuori, se ha luce solare diretta e può solo sedersi sull’asfalto, è una pessima idea.

Non ci sarebbe bisogno di dirlo, ma MAI lasciare il cane in macchina, anche solo per 10 minuti!

In realtà per il tuo cane quel tempo è un’eternità.

Perché la temperatura cresce a un ritmo vertiginoso (sì, anche se lasci il finestrino aperto).

Può passare da 30 a 40 gradi nel giro di 10 minuti. Secondo i veterinari, questa è la prima causa di collasso.

Anche per il fatto che lasciarlo in macchina solo, può portare il tuo cane in uno stato di ansia e/o claustrofobico (spazio piccolo, solitudine, magari rumori del traffico e gente che passa intorno etc.).

E questo ovviamente accelera la sua disidratazione.

Non lo dico per spaventarti, ma è davvero qualcosa che le persone tendono a non considerare.

Uscire 10 minuti, incontrare qualcuno e fermarsi a parlare per altri 10, è una cosa che può succedere a tutti. Elimina il problema alla radice e promettiti di non lasciare il tuo cane in macchina.

A parte questo caso, la disidratazione nel cane può avvenire in tempi abbastanza rapidi.

Ricorda che i cani non sudano (a parte che attraverso le zampe, in piccola parte), ma si raffreddano ansimando. L’80% del calore viene disperso in questo modo. Quando lo vedi ansimare molto più del solito, potrebbe essere un segnale di pericolo: altri segnali sono battito cardiaco accelerato, aspetto pallido, lingua e gengive viola.

Se sei fuori quindi, ricordati di portare una ciotola con te da riempire in una fontanella quando ne hai la possibilità, oppure una bottiglia di acqua fresca.

Pensaci in anticipo, ad esempio se stai partendo per le vacanze e hai davanti un lungo viaggio in macchina, con magari qualche tempo in coda.

Se per qualche motivo non puoi mantenere l’aria condizionata accesa, porta con te diverse bottiglie d’acqua, in commercio puoi trovare dei tappetini refrigeranti, per aiutare il tuo cane a non sentire troppo il caldo.

 

 

Quando sei in casa

Se hai una casa con giardino, prova a creare uno spazio che sia costantemente ombreggiato, e che diventi il suo nuovo luogo di relax durante le giornate calde.

Se riesci a ricavarlo, molto probabilmente il tuo cane lo adorerà. Spesso infatti l’esterno, se non è battuto dal sole, è più fresco dell’interno.

Potresti anche acquistare una piccola piscina per bambini, in modo che possa bagnarsi all’occorrenza.

Quando devi lasciare il tuo cane chiuso in casa, ricordati di mantenere gli ambienti freschi attraverso il climatizzatore o un ventilatore, e chiudere le porte delle stanze su cui batte luce solare diretta.

Queste erano alcune regole generali da tenere sempre a mente per preservare la salute del tuo cane in un periodo che, nonostante non ci si faccia molto caso, può essere davvero pericoloso per i nostri amici.

Ti lascio con un altro paio di punti molto importanti da tenere a mente:

 

Errori comuni

Tosare il cane: no, rasare il cane non gli porta nessun beneficio contro il calore! Il pelo del cane infatti è proprio uno di quegli elementi che gli consente di regolare la temperatura corporea. Inoltre, lo protegge dagli UV e quindi dalle bruciature del sole.

Questo non significa che tu non debba prenderti cura di tanto in tanto, “pareggiandolo” per evitare che il pelo diventi troppo lungo da raccogliere sporcizia per terra.

Aiutati regolarmente con una spazzola professionale, per rimuovere la vecchia pelliccia.

 

Per finire, una procedura di emergenza da sapere a memoria

Quando, per tutte le ragioni che abbiamo visto sopra, il cane non riesce a tenere bassa la propria temperatura corporea (che in condizioni normali è tra i 38 e i 39 gradi), va in ipertermia. O come si dice più spesso ha un colpo di calore.

Ci sono alcuni segnali che possono presentarsi durante un colpo di calore, alcuni dei quali abbiamo già visto prima: respiro affannoso, gengive violacee, ma anche diarrea e vomito.

Cosa fare in questi casi? Spesso vista la gravità di questo problema tanto diffuso, non c’è tempo di portare subito il cane dal veterinario (che va comunque allertato immediatamente).

Il prima possibile dovresti immergere il cane in una vasca d’acqua fresca (NON ghiacciata, lo sbalzo termico sarebbe eccessivo), per qualche minuto. Se non hai a disposizione una tale quantità d’acqua, avvolgilo con un panno bagnato.

Fatto ciò aiutati con un ventilatore per asciugare il cane mantenendolo fresco (l’aria fa evaporare l’acqua, e l’evaporazione abbassa la temperatura del cane. Esattamente lo stesso principio del sudore).

Nel frattempo misura la sua temperatura e, se si attesta sui 39 gradi, puoi procedere e portarlo al veterinario.

A questo punto, sarà il veterinario a consigliarti il da farsi nei giorni a seguire per evitare ricadute.

 

E’ tutto!

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook!

Cinzia Signoretti

Educatrice Cinofila Certificata

Creatrice di Fantasticane

21 Comments

  1. valeria caput luglio 24, 2017
    • Cinzia Signoretti luglio 28, 2017
  2. gina luglio 28, 2017
    • Cinzia luglio 28, 2017
      • gina luglio 28, 2017
        • Alessandra ottobre 17, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  3. Paolina paola fiori agosto 27, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  4. Annalisa settembre 11, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  5. Rosalba settembre 13, 2017
  6. Annalisa settembre 14, 2017
    • Cinzia Signoretti settembre 18, 2017
  7. Franco Ramella settembre 25, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  8. MICHELE MARRUCCELLA ottobre 5, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  9. Claretta ottobre 24, 2017
    • Cinzia Signoretti ottobre 25, 2017
  10. Elisa Trobia agosto 13, 2018

Leave a Reply