logo

Cane che impazzisce alla vista di altri cani

Indice

 



1.0 Intro – Tutti i motivi per cui il tuo amico si comporta così

Quale proprietario non ha mai avuto difficoltà a gestire il proprio amico al guinzaglio quando vede altri cani…

O non conosce ALMENO una persona con questo problema?

problemi cane guinzaglio

Se stai leggendo questo articolo perché anche tu, con il tuo amico, riscontri delle difficoltà, non preoccuparti.

Tra poco affronteremo tutte le motivazioni possibili per cui questo avviene…

E, per ognuna di esse, cercheremo di trovare una soluzione ad hoc.

Pronto?

Cominciamo.

2.0 Altri cani sono più interessanti

Partirei con questo punto.

Può sembrare una ragione del tutto scontata, ma posso assicurarti che non lo è.

Vedi, io dico spesso che, per il proprio cane, bisogna essere un Luna Park.

cane padrone

Il tuo amico, quando è in tua presenza, non dovrebbe voler nient’altro…

Se non condividere ancora più tempo con te.

Che sia durante la passeggiata…

O nei momenti di relax in cui lo porti allo sgambatoio.

Se non hai messo le basi per diventare il “Parco Giochi” personale del tuo amico…

È assolutamente normale che trovi più attrazione nei confronti degli altri cani.

Ti faccio un esempio:

Se quando andate allo sgambatoio, pensi solo a sguinzagliarlo e a farlo giocare con altri cani per “fargli scaricare le pile”, c’è qualcosa che non va.

Non dico che fai male a farlo interagire con i suoi simili- anzi, DEVI far sì che questo avvenga, ma ne parleremo dopo…

Ma che dovresti anche ritagliarti un momento per fare un’attività insieme, in modo tale da:

  1. Rafforzare il rapporto e diventare GUIDA DEL GIOCO…
    (E, fidati, così facendo, diventerai anche la GUIDA SICURA nella vita reale e suo unico punto di riferimento.
    Praticamente, non ci sarà NULLA di più bello ed interessante di te😉.)
  2. Aumentare la sua autostima grazie alle gratificazioni per il lavoro richiesto.
    (Ottimo, quindi, anche se hai un cane particolarmente timido o che si agita facilmente in presenza di situazioni a cui non è abituato)
  3. Renderlo super appagato, andando a soddisfare uno dei suoi bisogni primari.
    (Sì, il gioco fa parte dei bisogni primari ed è importante quanto il cibo)

Se vuoi, ho raccolto ben 50 giochi che possono aiutarti a diventare il suo Luna Park.

Ti consiglio di farli solo per 10 minuti al giorno però…

Perché sono impegnativi per il tuo amico a 4 zampe e non bisogna esagerare, se no si rischia di essere controproducenti.

Ad ogni modo, come dicevo prima, devi fare in modo di essere coinvolgente e trasformare le passeggiate in esperienze da condividere INSIEME.

Se no, è ovvio che il tuo amico avrà più voglia di andare verso altri cani.

Soprattutto se, ad esempio, hai costruito, col passare del tempo l’aspettativa.

3.0 L’aspettativa

Cos’è l’aspettativa?

È quando il tuo amico a 4 zampe- sapendo di poter interagire con gli altri cani al guinzaglio…

Ha il naturale desiderio di andargli vicino perché glielo hai sempre permesso.

Cane che incontra cane

Se, ad esempio, hai sempre dato la libertà al tuo cane di conoscere gli altri cani durante la passeggiata al guinzaglio…

È ovvio che, nel momento esatto in cui ne vede uno, gli venga voglia di andare a conoscerlo.

Il tuo amico non può sapere che, magari, in quel preciso istante non hai la possibilità di farglielo fare…

Perché hai troppo poco tempo a disposizione oppure perché hai le mani troppo occupate con la spesa, ecc.

Cosa ti consiglio, quindi?

Di limitare, sempre di più, questo comportamento, fino a quando non sarà più abitudine.

Se sei al guinzaglio, fate una normale passeggiata e, se hai tempo a disposizione, lascialo libero di interagire con i suoi simili senza guinzaglio in una zona recintata e sicura.

Ora potrai pensare:

“Cinzia, ma non avevi detto che allo sgambatoio dovevo fare le attività con il mio cane?”

Certamente, devi essere il suo Parco Giochi e devi creare quante più esperienze con lui.

MA, ovviamente, devi trovare anche il modo di lasciarlo libero di giocare con gli altri cani, se questa è una cosa che gli piace fare.

4.0 Mancata socializzazione

cane solitario

Questa è un’altra causa, non di poco conto, per cui il tuo amico, quando è al guinzaglio, diventa quasi ingestibile alla vista degli altri cani.

Essendo il tuo amico “inesperto” e non essendo stato abituato, da piccolino, a socializzare con gli altri cani, sia maschi che femmine…

È chiaro che non sappia come reagire in determinate situazioni.

Devi sapere che è difficile, per lui, gestire emotivamente la presenza di altri animali se non ha un minimo di confidenza o si sente insicuro.

Magari, ora, potrebbe sorgerti una domanda…

“Ma com’è possibile che il mio cane, fino a qualche tempo fa, non aveva problemi con gli altri cani e ora sì?”

Se hai riscontrato questa problematica, probabilmente, il tuo amico ha cominciato a socializzare DOPO il suo periodo sensibile.

Cos’è il periodo sensibile?

È quella fase temporale che va fino ai 180 giorni, in cui prende dimestichezza con il mondo esterno: altri cani, animali, persone, rumori, odori, ecc…

Le esperienze fatte dopo questo periodo, sebbene positive, non portano effettivamente benefici a lungo termine.

Cosa puoi fare in questi casi?

Puoi farti affiancare da un esperto per cercare di aiutare il tuo amico a relazionarsi.

E se, invece, questa mancata socializzazione, come spesso accade, è mutata in aggressività?

4.1 Aggressività

Se il problema, alla base dell’agitazione del tuo amico, è l’aggressività nei confronti degli altri cani…

cane arrabbiato

Allora bisognerà fare un lavoro diverso.

Purtroppo non esiste la bacchetta magica per farlo andare d’accordo con gli altri…

MA, fortunatamente, esiste un modo per dargli le giuste competenze per rimanere tranquillo e non agitarsi più.

4.2.2. Soluzione

Il modo è applicare la tecnica della desensibilizzazione.

Come funziona?

Nel ridurre, di volta in volta, la distanza di tolleranza tra il tuo cane e ciò che lo rende agitato.

(Sì. Può essere utilizzata anche se la causa del problema non è un altro cane, ma un motorino, un monopattino, un camion, ecc)

cane felice

Se vuoi saperne di più, puoi consultare questa presentazione gratuita.

All’interno, ci sono un paio di dritte per camminare in perfetta sintonia al guinzaglio…

E trasformare i momenti di stress in attimi di puro relax e condivisione.

5.0 Problemi con gestione del guinzaglio

cane che tira

Spesso, capita che il guinzaglio venga gestito davvero male.

Come dico sempre, il guinzaglio è come se fosse il prolungamento del nostro braccio…

E, attraverso di esso, si trasmettono tutte le emozioni al nostro cane.

Se siamo agitati…

Nervosi…

Felici…

O arrabbiati.

Tutte queste emozioni negative non fanno altro che stressare ancora di più il cane…

Ed innescare la catena del cortisolo; l’ormone dello stress.

Se noi, quindi, siamo preoccupati o nervosi alla vista degli altri cani, lo sarà sicuramente anche lui.

Se non di più.

Poi, seconda cosa importante da dire e che va ad incidere TANTISSIMO sulla tranquillità del tuo amico…

È il fatto di tenere il guinzaglio super corto e stretto a te.

Considera che già non è normale andare in giro “attaccati ad un filo” che non ti da la libertà di esplorare il mondo come vorresti…

Se poi ci metti anche la pressione di stare sempre incollati alla gamba e non avere lo spazio per fare NULLA, allora è ovvio che il cane reagisca in questo modo.

Ricorda SEMPRE: più il guinzaglio è stretto e teso come una corda di violino…

Più il cane è frustrato.

Ricordati, sempre, di alternare momenti di passeggiata e momenti di libertà senza guinzaglio!

6.0 Difesa

Beh, se questo è il motivo per cui il tuo amico impazzisce alla vista di altri cani…

Allora, abbiamo un problema più viscerale.

Vedi, non è una cosa SANA e normale che il cane arrivi a formulare questo pensiero:

“Il mio proprietario è in pericolo…
Devo proteggerlo perché é una mia risorsa e non si sa gestire da solo”

Arrivare a questo punto, significa aver costruito una relazione non solida e squilibrata.

cane per difesa

Squilibrata perché è il cane che si prende la briga di decidere e di intervenire al posto tuo.

In questo caso, vanno reimpostati i bisogni primari

In modo tale da ritornare, passo dopo passo, ad un rapporto basato sul rispetto con il giusto equilibrio psico-fisico del cane.

Se credi di trovarti in questa situazione, c’è questo programma fatto a posta per te.

Ti aiuterà a ripristinare la relazione e a rendere il tuo amico il compagno di vita che hai sempre sognato…

Ancora di più di quanto lo sia già!❤️

Ti abbraccio.

Cinzia.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Fantasticane >>
Il tuo carrello
Il carrello è vuoto
Inizia shopping!
Vai allo Shop