logo

Il tuo cane è il tuo riflesso

 

Perché il mio cane si innervosisce quando usciamo?

Perché non riesco a farlo stare tranquillo?

A volte, quello che ci separa dall’avere un cane sereno ed educato in ogni momento, non sono complicate tecniche di educazione.

Ti capita mai di pensare: “Ho già un rapporto splendido con lui, ma se solo fosse più tranquillo in certe situazioni…”?

Se la risposta è sì, in questo articolo voglio darti una risposta a cui sono arrivata dopo anni di lavoro con i cani, analizzando come i proprietari si rivolgono a loro.

Infatti, stavolta si tratta di una conclusione che mi è apparsa chiara osservando NON il comportamento dei cani… ma quello  dei loro proprietari!

Di cosa si tratta?

Prima di tutto, dobbiamo capire che il cane rispecchia quello che siamo e le sensazioni che proviamo.

Ovvero, che i nostri stati d’animo come felicità, ma anche ansia e stress, non rimangono dentro di noi ma vengono trasferiti, senza che ce ne accorgiamo, al nostro cane.

Ma come avviene ciò?

Te lo sto per mostrare.

 

E voglio farlo, prima di tutto, raccontandoti una breve storia

Un aneddoto che mi è capitato qualche mese fa, al mio centro cinofilo a Pesaro.

Ricordo perfettamente Flavio, proprietario di un Golden Retriever di 2 anni, arrivare al mio campo e lamentarsi di come il suo cane (René) fosse totalmente diverso dagli altri cani da lui avuti in passato.

René non lo ascoltava, tirava al guinzaglio, era sempre agitato. Flavio mi spiegava che non aveva moltissimo tempo da dedicargli e che si aspettava lo ascoltasse di più.

Ma non era il tempo il problema.

Infatti mentre mi parlava del suo cane, era evidente il suo nervosismo, un misto di sentimenti negativi.

Ora, quello che è successo a Flavio è comprensibile. Quando non si sa come educare il proprio cane, e questo reagisce non ascoltandoci, a lungo andare non è semplice avere sempre pazienza.

Magari è successo anche a te, e non è una tua colpa.

Tuttavia questo ti porta ad avere un atteggiamento costantemente negativo con il tuo cane, senza via d’uscita.

Mi spiego. Quando provi a educarlo, a passeggiare con lui…. se sei nervoso, il tuo cane lo recepisce immediatamente.

Quando pensi “Il mio cane non mi ascolta, è testardo”, a lui arrivano direttamente le tue emozioni negative.

I cani non parlano, non capiscono la tua lingua, ma sanno perfettamente leggere le tue emozioni, e nel momento in cui sei stressato, stai infondendo in lui la stessa sensazione.

Per questo dico che il cane è il tuo riflesso.

E oggi ti chiedo di fare esattamente quello che ho detto a Flavio: quando andate a passeggio, lascia a casa tutti i tuoi problemi. Inizia a passare il tempo diversamente, divertendoti con lui, con un atteggiamento tranquillo.

3 giorni dopo il nostro incontro, mi chiama Flavio.

“René sembra un altro cane. All’inizio c’ero rimasto un po’ male, ma avevo capito cosa mi volessi dire. E da quando ho iniziato a capire fin dove può arrivare la sensibilità del mio cane, tutto è cambiato. Non è più il cane agitato e isterico di prima”.

Da quei giorni sono passati 5 mesi, e Flavio e René formano una perfetta coppia proprietario-cane, in totale serenità.

 

“Ricordati sempre l’importanza del tuo stato d’animo, ricordati quanto influisce sul comportamento del tuo cane, sulla sua educazione e sul suo benessere.”

 

 

Ora, al di là della storia che sicuramente è da prendere come esempio, mi rendo conto che quanto abbiamo detto non è sempre facile da mettere in pratica.

Soprattutto se le persone che vivono con te non ti appoggiano.

La parola d’ordine, in questo caso, è Coerenza.

Coerenza tra tutti i componenti della famiglia, che devono adottare le stesse linee guida. Se non seguite tutti le stesse regole con il cane, lui si sentirà disorientato e non capirà più cos’è giusto.

Se qualcuno si innervosisce facilmente, non farà altro che trasferire la negatività sul cane.

Quindi mi rendo conto che in queste situazioni non è facile educare il cane, ma c’è una soluzione.

E la soluzione è rendere partecipi tutti i componenti della famiglia delle regole base da seguire, di come va gestito il cane, di come bisogna rapportarsi con lui, di cosa gli è permesso o non è permesso fare.

Devi avere chiarezza sulla gestione quotidiana del tuo cane, in modo che tu e chiunque viva con te sappiate come agire in ogni situazione.

Una guida per ottenere questo risultato è il Percorso Fantasticane, che consiglio sempre far seguire a tutte le persone che vivono sotto lo stesso tetto.

 

“Quindi: Coerenza e Cooperazione.”

 

Purtroppo, molte persone non si rendono conto di quanto sia importante interagire con il cane con uno stato d’animo positivo.

Te lo dico schietta: se un giorno hai un problema che non riesci a toglierti dalla testa, che ti rende negativo e ansioso, piuttosto NON passare del tempo ad educare il tuo cane. Aspetta invece che tu ti senta meglio.

Questo perché il cane assorbe ogni tuo stato d’animo, sente quando sei arrabbiato, ansioso, e sicuramente non vuoi che lui associ il gioco o l’educazione con qualcosa di negativo.

Ma allo stesso modo, quando sei tranquillo e rilassato, il tuo cane rispecchierà il tuo stato d’animo in positivo.

Sarà più disinvolto nelle passeggiate, meno distratto da qualunque cosa gli passi davanti, meno nervoso riguardo a ciò che sta succedendo intorno a voi due.

Al contrario, sarà più interessato a te. Si girerà per guardarti, ti ascolterà quando lo chiami, e la tua presenza sarà più interessante per lui delle distrazioni esterne.

Certo, se ci sono problemi comportamentali, quelli permarranno e devono essere risolti in altro modo – ho creato articoli e video gratuiti per questo – ma d’altra parte, devi avere chiaro questo concetto per partire con il piede giusto, ogni giorno, evitando di creare problemi più gravi nel tempo, e assicurarti che questa regola sia seguita da ogni membro della famiglia.

 

Quindi, per concludere:

  1. Atteggiamento positivo, sempre e comunque;
  2. Cooperazione e Coerenza in famiglia, nella gestione del cane, seguendo i consigli di Fantasticane.

Ripeti questo ogni giorno, e sarai sorpreso degli enormi benefici che otterrai in termini di tranquillità e obbedienza da parte del tuo cane.

Se ti sei mai chiesto come mai quando sei arrabbiato fai fatica a rapportarti con il tuo cane, mentre quando sei felice e propenso a fare qualcosa con lui, tutto fluisce in maniera veloce e semplice… beh ora lo sai!

Se questo articolo ti è stato utile e pensi possa interessare ai tuoi amici, condividilo su Facebook con il pulsante qui sotto.

A presto

Cinzia Signoretti
Educatrice Cinofila Certificata
Creatrice di Fantasticane

Lascia un commento

70 risposte

    1. Grazie Cinzia dei tuoi stupendi e preziosi consigli. Io o una meticcia di quasi 3 anni trovatella. Molto paurosa con le persone se vede qualcuno abbaia se sta in uno stato di è citazione. Nn morde se si fa avvicinare. Come posso fare affinke lei fosse più calma.

    2. Carissima, vorrei un consiglio su come devo comportarmi con il mio cane. È un cucciolo di quasi 5 mesi adottato al canile che ne aveva 2 mesi
      Si tratta di un meticcio dolcissimo ma molto esuberante, come tutti i cuccioli.
      Nella sua gioia di far feste a tutti, da sempre dei morsichetti ma non ringhia, non abbia a nessuno né ai suoi simili e neppure alle persone
      Ha solo questo comportamento che salta di gioia e da morsi ma senza stringere
      Ti ringrazio

      1. Ciao se guardi anche il canale su you tube di fantasticane trovi come risolvere questi problemi. Se lo accarezzi ti mordicchia smetti subito di accarezzarlo

    3. Ciao Cinzia e proprio vero infatti ho notata questa cosaio poi sono Un persona un po’ ansiosa!!! Comunque si quando ti sentipiu tranquilla ai un atteggiamento verso il proprio cane in maniera diversa quando ti senti più nervosa magari per chiamarlo ed avere la sia attenzione magari non ottieni un buon risultato nel richiamo cerco sempre di farlo in un modo giocoso certo avvolte bisogna essere un po’ più fermi!!!!!!! Ma mai aggressivi

    4. Ti ringrazio perché sei una per persona splendida e il tuo corso mi aiuta tanto con i miei cani grazie tanto,avrei voluto scambiare 2 chiacchere per telefono almeno per parlare dei miei cani

    5. Cara Cinzia,i tuoi consigli sono Ottimi e,ho avuto molto riscontro,sopratu,sul richiamo(mi era stato consigliato di sgridarla qualora non venisse subito)invece,con il tuo metodo,ho avuto grande soddisfazione,ora,il mio problema è,quando viene qualcuno mi diventa irruente,ingestibile,cosa mi consigli di fare?Mio fratello non la sopporta proprio?ti prego,rispondimi

    1. Ciao, non ti buttare giù, forse in tanti non sono nati per averlo, ma ormai ce l’hai, vedrai pensa diversamente altrimenti non troverai mai la chiave per lavorarci, se sei così pessimista il tuo cane lo sente

  1. Il mio cane ha problemi comportamentali. In casa un tesoro fuori si scatena l’inferno. Si mette in protezione e ci sono problemi con tutti i cani e ancor di più con moto, bici, pullman, persone che corrono e
    persone che si avvicinano per fare un complimento. Le passeggiate sono soltanto volte a deviare tutti questi “disturbi” e praticamente sono diventate un incubo.

    1. La coerenza educativa è per me, in assoluto, fra gli elementi più difficili da gestire. Nonostante tutti noi ne conosciamo l’importanza anche da corsi precedenti, purtroppo non riusciamo a mantenerla al 100% perché siamo cmq personalità e situazioni singole anche se all’interno della stessa famiglia. Le faccio un esempio: mio marito, la sera, è estremamente stanco e dunque “sbotta” facilmente. Può impegnarsi e sbottare una volta di meno… Ma, di fatto, una persona, se è stanca, stanca resta!
      Mia figlia piccola ha avuto una vera e propria crisi di pianto quando ci siamo imposti di educare il nostro cane a non salire su letti e divani: ci ha fatto capire che aveva desiderato per una vita un cane da abbracciare mentre dormiva, e invece con quel tipo di educazione, lo sentiva sempre più lontano…

  2. Buongiorno, grazie per il tuo primo video.
    Ho un meticcio di pastore tedesco di 5 anni. Fin da subito era terrorizzato dalle persone. Infatti lo porto raramente in luoghi affollati perché si stressa tantissimo. Ora che è adulto il problema sono anche gli altri cani, maschi in particolare verso cui è sempre aggressivo. Lo porto volentieri in montagna e lo lascio libero ma ho sempre l’ansia che incontri un altro cane e si azzuffi.
    Grazie aspetto gli altri video!!
    Marcella

    1. Ciao,purtroppo con gli altri cani hai poco da fare, ma quello di lavorarci perchè ti ritorni al richiamo lo pupi fare. Il corso di Fantasticane ti aiuterà

    2. Grazie cinzia come al solito hai fatto centro, mi hai insegnato che bisogna educare prima il padrone! Sei fantastica mi hai dato e mi dai sempre ottimi consigli, grazie all’infinito!

  3. Buoni consigli,grazie.Ilmiocane ha 4 anni ,L ho adottato che aveva 2mesi.È molto vivace,giocherellone ma molto irruento quando c e qualche ospite?.ho provato anke ad isolarlo(consiglio dellaveterinaria),ma con scarsi risultati.Raramente è da solo.si chiama Otto ed è un meticcio ,io lo adoro??

    1. Ciao, non si isola, altrimenti associa le persone come una cosa negativa. Insegnategli i comandi un seduto resta, un terra resta da usare quando vengono le persone, prima gli date le competenze senza persone poi con le persone

  4. Grazie per i tuoi consigli. Ho un maremmano di 9 mesi, tg XXL… È abbastanza ubbidiente, posso portarlo a passeggio e, dove possibile, lasciarlo libero senza problemi… Unico problema, quando siamo nel nostro giardino, tende ad attaccarsi alla mia giacca e mordicchiarmi, anche se gli faccio capire che non voglio scappare via…

    1. Ciao, cerca prima di entrare di fargli un seduto, un resta e lo premi. Prova a vedere se ci lavori se lo fa ugualmente

  5. ciao ti ringrazio dei consigli preziosi, io sono una toelettatrice e ne vedo di cotte e di crude, ti assicuro. Ho tre splendidi cani che abbiamo educato e, visti i tuoi video, a quanto pare bene. Giro sempre i tuoi articoli sulla pagine facebook del mio negozio così che magari oltre a sentire me, vedono che le stesse cose le dice un’esperta e SPERO che prima o poi qualcosa cambi. Grazie davvero tanto!

  6. Ciao Cinzia, abbiamo unpastore tedesco di 2 anni molto bravo. L’unico problema è che quando vado a dormire, lui mi spia, guarda quando esco del bagno e mi metto al letto. Poi arriva lui, si piazza al piede del letto e comincia a “ringhiare sottomessamente” con un tono che si fa sempre piu debole per circa 20-30 secondi poi più niente. L’abbiamo preso che aveva 4 mesi. Mi sai dire cosa vuole dire questo comportamento. Grazie per la risposta è buona giornata

  7. Ciao, ho un cane meticcio di 3anni adottato da pochissimo, quando esco per andare a lavorare al mio rientro trovo la casa distrutta, sta 4/5 ore da solo, come posso fare? Grazie mille ☺️

    1. Ciao, non riesce a gestire lo stare da solo. Su Fantasticane trovi gli aiuti per questo e altri problemi. Prima di uscire fallo stancare esci giocaci

  8. Ciao Cinzia, bello e piacevole leggere i tuoi consigli, avrei voluto conoscerti di persona e poter avere dei consigli per migliorare il mio amico cane che deve essere corretto in alcune sue manifestazioni poco condivisibili, come il campanello e l’arrivo in casa di qualcuno conosciuto e non.
    Penso che questi difetti sono curabili solo in loco ed io sono lontana dalla tua residenza. Come ti ho scritto in precedenza ho provato di tutto ma questi due comportamenti non sono in alcun modo riuscita a controllare. Ho interpellato piû di un educatore, ma il mio amico ha sbaragliato qualsiasi correzione. Ora ti racconto Che tipo é:
    Ieri ero andata a fare una passeggiata con Nico, così si chiama il mio amico a 4 zampe, ero andata con lui in un prato a 500mt da casa , liberato abbiamo a giocare con la palla, cosa che facciamo spesso e a lui piace tanto, all’improvviso sono arrivati due cani di corsa, minacciosi su di lui, Nico , che normalmente gioca con i suoi colleghi, si é messo a correre via nella direzione opposta a loro, spaventato, io l’ho chiamato ma lui si allontanava sempre più.
    Ho cercato di seguirlo e nel frattempo cercavo di pensare cosa sarebbe successo e come avrei potuto fare, rimanere, seguirlo ecc..
    Da lontano lo vedevo correre era diventato un puntino bianco, quello é il suo colore, che diventava sempre più piccolo.
    Ho cercato di seguire il suo percorso sperando che le macchine non lo tranciassero. Non lo vedevo piú e mille pensieri affollavano la mia mente, ma mi rendevo conto di essere impotente, pensavo ai cani smarriti alle persone che vedendolo in giro cercassero di fermarlo, qualche anima buona o qualche anima cattiva fermasse la sua corsa. Quindi mi rimaneva che tornare a casa e prendere la bici e andare nuovamente dove era partito e aspettarlo. Ma tornando a casa meraviglia ho visto un punto bianco fermo davanti al portone era lui che cercava di entrare . L’ho chiamato lo abbracciato e tutto il mio dramma si é risolto in quell’istante, orgogliosa della capacitá del mio amico nel ritornare a casa. Questo é lui ,quello che non fa entrare a casa nessuno e che ogni volta che suona il campanello fa un macello.

    1. Ciao, hai fatto bene a non sgridarlo ma se non sei sicura delle sue reazione attenta a liberarlo. Per qualsiasi aiuto su Fantasticane trovi tutti gli aiuti

  9. Ciao Cinzia! Grazie per i consigli! Purtropo mi confronto con un problema abastanza grave! Il nostro piccolo pitbull a cominciato ad avere compirtamenti agresivi! Ha dei momenti che non possiamo avicinarci! Ex. quando sta a cuccia e dobbiamo passare vicino o qundo prepariamo il letto per dormire! Ringhia in un modo spaventoso e dopo qualche minuto non sembra piu “il feroce” Oggi a ringhiato anche alla veterinaria! Non so piu come gestirlo! Devo dire che nel letto di mio figlio ci dorme anche lui la metta della notte! Va a dormi nella cuccia e poi salta ai piedi del letto fino alla matina! Ti prego!! Un consiglio!

    1. Ciao, per questo problema visto il tipo di cane ti consiglio un educatore che ti aiuti di persona. Dove abiti? Mi raccomando che usi metodi gentili

  10. Ho un pastore tedesco di 7 anni adottato 15 mesi fa dà Sicilia oltre a tirare come un matto al guinzaglio ha paura di quasi tutto e a casa non posso far venire nessuno oercheufa il matto e cerca di pinzare l’ospite è di alla fine la pinza Cosa si fa? Era un cane tenuti a catena picchiato e fa vissuto in canile pesa 44 kg io 46 grazie

    1. Pensarci prima al peso….., ma ormai c’è deve insegnare al suo cane i comandi, sapere come gestirlo a casa, questo farà la differenza e questo lo trova su Fantasticane

  11. Ciao Cinzia ho visto i tuoi video e l’ho trovati molto interessanti. Vorrei un consiglio a che età potrei incominciare a pensare a un percorso di educazione per il mio cucciolo?

  12. Ciao Cinzia, complimenti per il tuo lavoro. devo dire che tante cose che dici le ho sperimentate, e per tante altre domande ho trovato le risposte nei tuoi video. Ho da sempre un grande feeling con i cani e da quasi cinque anni ho il piacere di condividere la mia vita con la meticcia di 15 anni del mio compagno. Da quando vive con me mi ha “adottata” come sua padrona. Ormai ci capiamo a gesti o telepaticamente. L’unica cosa che non sempre riesce è quando la lasciamo (rare volte) qualche ora da sola (quando per esempio si va al cinema alla sera…)…..lei ogni tanto abbaia e ulula. Quando esco le dico: ” torno subito. Aspettami qui”, a volte le lascio un premio nella cuccia….ma poi sento dalla vicina che ha abbaiato ….
    Devo essere ancora più convincente nel mio sentire quando la rassicuro di tornare subito ? oppure c’è qualcos’altro da fare: tipo portarla fuori prima e stancarla con una passeggiata ?
    Grazie mille dei tuoi consigli preziosi !!

    1. Ciao, ha 15 anni è anziana, non puoi farla stancare troppo, ma soprattutto, non si saluta quando si esce e tanto meno al rientro, per il cane il vostro uscire deve essere una cosa bella.

  13. Ciao Cinzia e proprio vero infatti ho notata questa cosaio poi sono Un persona un po’ ansiosa!!! Comunque si quando ti sentipiu tranquilla ai un atteggiamento verso il proprio cane in maniera diversa quando ti senti più nervosa magari per chiamarlo ed avere la sia attenzione magari non ottieni un buon risultato nel richiamo cerco sempre di farlo in un modo giocoso certo avvolte bisogna essere un po’ più fermi!!!!!!! Ma mai aggressivi

  14. Ciao Cinzia ho un pastore tedesco di 4 anni il mio rapporto con lui e molto buono però ho 2 problemi e aggressivo con i cani e nonostante ho seguito le istruzioni per mettere la pettorina prima di uscire mi ringhia come risolvo. Grazie

    1. Non direi che il rapporto sia ottimo visto che ti ringhia, sicuramente hai sbagliato qualcosa nella gestione. Segui Fantasticane e trovi la soluzione, metti il collare e dopo quando sei fuori gli metti la pettorina

  15. Ciao Cinzia, ho una meticcia di 5 mesi ho 2 problemi, abbaia di continuò a tutti quelli che passano davanti casa, poi appena ci sediamo a tavola a mangiare sale con le zampe sul tavolo e ci ruba il cibo dal piatto forse ho sbagliato perché qualche volta le ho dato qualcosa!
    Poi è normale che se le prendo un gioco ci ringhia? Grazie

    1. Quante volte porta fuori il suo cane? Quanto tempo passa in giardino? Che attività fa con il suo cane quando uscite? Si è normale che ringhia per contendere il gioco, faccia lo scambio con un premio inserendo il lascia, e non gli dia più nulla dal tavolo segua fantasticane.com/metodo

    1. Non è un libro, è un corso on line. Ti arriva per mail la tua password per vedere il corso Fantasticane su PC tablet e cellulare

  16. Grazie dei consigli. Metto in pratica con successo in casa.
    Il mio sogno sarebbe poter uscire a passeggiare nel bosco o in altri posti lasciando libera Reese. E’ una segugia ellenica dottata 5 mesi fa. Aveva 9 mesi. È bravissima in casa e in giardino ora da lì non scappa piu.
    Il richiamo dal giardino funziona bene.
    All’esterno ho provato un paio di volte ma se sente odori di animali selvatici non funziona e sta via da casa 2-4 ore o di più.
    C’è una speranza che io ce la possa fare ?
    Grazie

    1. Il cane non si rende conto dell’ora e se lei permette al cane di girovagare come vuole potrebbe anche stare fuori giorni, quindi non lasci il cane senza controllo

  17. Bravissima! Leggo i tuoi articoli e li trovo davvero molto interessanti!
    Sicuramente frutto di una grande esperienza, ma soprattutto di amore, passione, impegno in ciò che fai. Un buon mix di amore e professionalità nell’attività di educatrice cinofila che ogni giorno svolgi. Grazie per i tuoi preziosi consigli. Complimenti per la professione che hai scelto di fare. Tanti tanti auguri!

    1. Ti ringrazio, fa sempre piacere che qualcuno riconosca. la passione e la professionalità. Spero che tu mi segua anche su you tube il mio canale gratuito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati
Clicca qui per iniziare il tuo percorso Fantasticane >>
Il tuo carrello
Il carrello è vuoto
Inizia shopping!
Vai allo Shop